...ciò che è reale per i sensi lo è in assoluto...


Estetica della materia

Alessandro Fiorentini è nato a Milano il 22 febbraio del 1974. Ha studiato filosofia all’università degli studi di Milano. Si è laureato in estetica con la Dott.ssa Mazzucutmis nell’anno 2001, discutendo una tesi di laurea sulla processualità nell’arte.

Terminati gli studi si è dedicato alle arti applicate, cercando di realizzare nella pratica ciò che aveva studiato nella teoria. Il suo approccio all’arte è stato sempre di tipo gnoseologico: prima viene il concetto di arte e poi la sua realizzazione.

Nella sua ricerca artistica trova espressione concreta lo sviluppo della matericità pittorica. Nelle sue opere ha sempre cercato un equilibrio sinestetico tra la vista e il tatto. L’esperienza pittorica diventa così un'esperienza sensuale: “un'opera d’arte si guarda, si tocca, si ama, un po' come se fosse una donna” come spesso dice l’artista delle sue opere.

I filoni artistici che l’hanno maggiormente influenzato sono, da un lato, l’informale, con la sua concezione di arte materica-concettuale e, dall’altro, l’action paiting, con tutta la sua istintualità gettata sulla tela in modo esplosivo. L'oscillare tra questi due mondi l’ha portato alla ricerca di materiali già di per sé artistici.

La ricerca del materiale perfetto è già una parte dell’opera stessa. Nella sua estetica trovano largo uso materiali presi dalla natura, e già di per sé connotati da una forte matericità, come i tronchi di legno, le cortecce, le pietre e materiali industriali che si prestano bene alla manipolazione tattile, come lo stucco, il cemento, la schiuma poliuretana, il pvc, l’mdf e altri materiali ancora presi dalla manifattura, come la yuta, la formica e la pelle.

Materico

Questa sezione è dedicata alla materia in tutta la sua forza che a volte esplode fino a uscire letteralmente dalla tela, altre volte invece si fa domare in forme più armoniose e sinuose. Materia come istinto di vita e pulsione distruttiva insieme, lo yin e lo yang. Questo conflitto insanabile attraversa trasversalmente tutte le opere


 

Guarda le opere

Opera in stile Materico

Opera della collezione Costellazioni

Costellazioni

In questa sezione il fascino per la contemplazione dei pianeti prende il sopravvento, e la forma dirompente della natura lascia il posto a forme più controllate e lineari, dove la luce accarezza le morbide superfici sferiche. Le forme essenziali e pure dominano al centro della tela come pianeti al centro del loro universo


 

Guarda le opere

Mostre e Premi

  • 2006

    Mostra personale presso l’hotel enetrprise a Milano dal titolo “Luci e Ombre”

  • 2007

    Mostra personale presso la galleria Bianca Maria a Milano dal titolo “La poetica della materia”

  • 2008

    Mostra personale presso la galleria Monumental di Milano dal titolo “Matericità”

  • 2009

    Partecipazione al concorso indetto dalla rivista Arte, piazzandosi tra i primi 100

  • 2010-2011

    Partecipazione alla realizzazione del palazzo Agradi a Monticelli Pavese, con opere che sono ancora disponibili presso la tenuta

  • 2012

    Vincitore del concorso Art style della galleria Sant’Agnese di Milano

  • 2013

    Mostra personale presso la Cascina Bastia di Monza dal titolo “Luci e ombre”

  • 2014

    Vincitore del bando per arredare palazzo 2° di Lecco, realizzando opere che sono ancora disponibili presso gli uffici

  • 2015-2016

    Decorazione del Palazzo Sinergetica a Milano, realizzando opere su temi chiesti dal committente

  • 2017

    Partecipazione ad una collettiva presso lo Spazio Tadini di Milano insieme ad altri artisti, tra cui Daniele Restelli e Stefano Russo. Titolo della mostra: “L’uomo nell’universo”